Chi si avvicina al mondo delle diete si ritrova subito assorbito da teorie di ogni forma e colore, pareri e storie di successi e insuccessi. La parola ‘dieta’ viene accolta dalle orecchie come qualcosa di restrittivo,di difficile da portare avanti e ‘doloroso’: sicuramente ci vuole molta forza di volontà per perdere perso, ma se oggi abbiamo questa idea riguardo alle diete è perché in circolo ce ne sono alcune che tagliano fuori dal programma alcuni tipi di alimenti, trasformando così la dieta in un vero supplizio.

Esiste una dieta detta ‘giapponese’ che non prevede niente di tutto questo: i suoi principi sono molto moderati e si concentra perlopiù sulla colazione, considerato il pasto principale della giornata.

A colazione deve essere mangiata una banana insieme ad altri alimenti come cereali, yogurt o biscotti.

La colazione è il pasto più importante della giornata: tante persone si sentono stanche fin dalle prime ore del giorno, perché non fanno colazione o mangiano cose sbagliate. La banana, consumata cruda, quindi non cotta, né congelata né in budini, dà la giusta energia al corpo per equilibrare le forze e il senso di fame. 

La dieta giapponese non vieta alcun cibo, solo le porzioni dovrebbero essere adeguate: a pranzo e a cena meglio mangiare riso.

Solo i prodotti lattiero-caseari o di origine animale andrebbero evitati. Il latte è meglio se sostituto con quello di mandorla o di soia.

La dieta giapponese è in grado di far raggiungere facilmente gli obiettivi in termini di peso corporeo, se affiancata ad una giusta frequenza di esercizio fisico. Inoltre, a differenza di un gran numero di diete, risulta essere moderata di modo che chi la segue non sviluppa stati di ansia e di stress per le numerose privazioni alimentari.

Infine, cosa molto importante quando si parla di diete, il programma giapponese evita il cosiddetto ‘rimbalzo’, ovvero il guadagno di chili dopo un primo periodo di dimagrimento: questo perché la dieta giapponese non si presenta come una vera e propria dieta ma più come uno stile di vita da seguire per tutta la vita.

via GuardaCheVideo