Il russamento è l’emissione di suoni rumorosi mentre si inspira durante il sonno. Sebbene questo possa essere un sintomo della roncopatia nella sua forma lieve, e la sua versione più grave sia la sindrome delle apnee notturne, oggi ci limiteremo a parlare del “semplice” russamento.

È ovvio che russando infastidisci il tuo partner e non riesci a riposare adeguatamente. Possiamo combattere questo problema (se non si tratta di apnea; in tal caso dovresti consultare un medico) e ti proponiamo cinque rimedi naturali per aiutarti a dormire più tranquillamente.

1. Dormi sul fianco

Russi maggiormente se dormi a pancia in su, perché la base della lingua e il palato si allungano verso la gola, rendendo più difficile la respirazione.

2. Tieni d’occhio il tuo peso

Quando dormi i muscoli della gola si rilassano. Pertanto le pareti del palato molle iniziano a vibrare durante la respirazione (e più strette sono le vie respiratorie, più la persona russa).

Per tenere sotto controllo il tuo peso, non mangiare e non bere alcolici per almeno tre ore prima di andare a dormire, per evitare che i tessuti molli si rilassino ulteriormente.

3. Libera le cavità nasali

Libera le vie aeree per avere una respirazione più rilassata. Ti consigliamo di usare uno spray nasale prima di andare a letto.

4. Produci dei suoni strani

Secondo un studio condotto nel 2015, il 36% dei pazienti che soffrivano di lieve apnea e che hanno eseguito degli esercizi labiali o con la lingua hanno cominciato a russare di meno. Prova a ripetere gli stessi esercizi per alcuni minuti prima di andare a letto e noterai la differenza.

5. Mastica le gomme senza zucchero

Si consiglia alle persone con le vie aeree strette di masticare una gomma per venti minuti al giorno per tenere in esercizio la bocca, la lingua, la mascella e i muscoli facciali. Shutterstock.com

Fonte: Fonte: Good Housekeeping

via Fabiosa

Questo post ha scopi puramente informativi. Non intende sostituirsi al parere medico. NaturalBlog declina ogni responsabilità in merito a eventuali conseguenze derivanti da qualsiasi trattamento, procedura, esercizio fisico, cambiamenti dell’alimentazione, azione o applicazione di farmaci in seguito alla lettura delle informazioni contenute in questo post. Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento il lettore dovrebbe consultare il proprio medico curante o un altro specialista.